Posizioni rilevanti e raccomandazioni nell’ambito della finanza sostenibile

La presente pagina fornisce agli istituti affiliati all’Associazione svizzera dei banchieri (ASB) una panoramica sulle posizioni rilevanti e sulle raccomandazioni nell’ambito della finanza sostenibile («sustainable finance»). L’accento è posto sulle prospettive tematiche del settore, mentre non vengono affrontate questioni relative alle condizioni quadro vigenti in materia normativa e di diritto di vigilanza. La panoramica viene aggiornata con cadenza trimestrale e funge da quadro di riferimento per i membri dell’ASB.

Posizioni di principio

La finanza sostenibile costituisce una priorità strategica dell’ASB. Questo concetto designa qualsiasi forma di servizio finanziario che, in un’ottica di sostenibilità, integra i criteri di ambiente, impatto sociale e governance (Environmental, Social and Governance – ESG) nelle decisioni di affari o d’investimento a vantaggio dei clienti e della società civile in generale. A tale riguardo, l’ASB ha pubblicato le proprie Posizioni di principio:

Posizioni rilevanti e raccomandazioni

1. Investimenti

È nel campo degli investimenti che la piazza finanziaria esercita la leva più significativa nell’ottica della finanza sostenibile. Secondo Swiss Sustainable Finance (SSF), a fine 2020 in Svizzera gli investimenti patrimoniali gestiti secondo criteri di sostenibilità ammontavano a CHF 1520,2 miliardi.

Integrazione dei criteri ESG nel processo di consulenza per i clienti privati

Il processo di consulenza è essenziale affinché i clienti possano comprendere appieno gli effetti prodotti dai loro investimenti in una prospettiva ESG, nonché influenzarli o addirittura gestirli attivamente. L’ASB raccomanda ai propri membri di recepire le seguenti Linee guida e di attuarle in modo proattivo:

Prodotti d’investimento

L’ASB raccomanda ai propri membri di basarsi sui lavori condotti dall’Asset Management Association (AMAS) e da Swiss Sustainable Finance (SSF).

Accordi settoriali internazionali

L’ASB sostiene l’attuazione di un ventaglio diversificato di iniziative internazionali, le quali sono state parimenti recepite da numerose case d’investimento svizzere. L’ASB raccomanda ai propri membri di recepire e attuare i due seguenti accordi settoriali, nella misura in cui gli stessi risultino rilevanti per i modelli operativi degli istituti:

2. Finanziamento

Nei prossimi anni la transizione a un’economia a basse emissioni richiederà investimenti altamente mirati. La piazza finanziaria svizzera svolge un ruolo determinante a riguardo, in quanto si distingue come uno dei protagonisti principali per il finanziamento di tali iniziative.

Accordi settoriali internazionali

Analogamente all’ambito degli investimenti, l’ASB sostiene l’attuazione delle iniziative internazionali anche nel campo dei finanziamenti. L’ASB raccomanda ai propri membri di recepire e attuare i due seguenti accordi settoriali, nella misura in cui gli stessi risultino rilevanti per i modelli operativi degli istituti:

3. Trasparenza

Trasparenza climatica

Una possibilità per misurare la compatibilità climatica è il metodo PACTA (Paris Agreement Capital Transition Assessment). L’ASB raccomanda ai propri membri di partecipare ai test di sostenibilità climatica condotti con cadenza regolare dall’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM).

Rischi climatici

Dal 1° luglio 2021 le banche e le imprese di assicurazioni di grandi dimensioni (categorie di vigilanza 1 e 2) sono tenute a pubblicare i propri dati qualitativi e quantitativi relativi ai rischi finanziari legati al clima. Le rispettive regole di pubblicazione si basano sulle raccomandazioni emanate dalla Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD).

4. Formazione e perfezionamento professionale

Riforma dell’apprendistato di commercio

Nell’ambito della riforma Impiegati di commercio 2023, ad aprile 2020 sono stati esaminati dall’UFAM e dall’Ufficio federale dell’energia (UFE) i nuovi obiettivi di prestazione a livello aziendale. Con l’inizio degli apprendistati 2023 saranno presenti tre nuovi obiettivi di prestazione con attinenza diretta al tema della sostenibilità, destinati ad accompagnare le future apprendiste e i futuri apprendisti sia in azienda che nel corso interaziendale. 

Cooperazione con éducation21

Al fine di integrare il tema della sostenibilità nella formazione di base, vengono create apposite sinergie. In questo senso, l’ASB ha potuto stringere una proficua partnership con la fondazione éducation21, il centro nazionale di competenza e prestazioni per l’educazione allo sviluppo sostenibile (ESS) in Svizzera. Su incarico dei Cantoni, della Confederazione e della società civile, éducation21 sostiene la realizzazione e il consolidamento dell’ESS nell’istruzione di livello secondario II. Di concerto con éducation21 è quindi possibile offrire alle banche attive nella formazione di base un ampio ventaglio di risorse aggiuntive e di servizi pedagogici. Si contribuisce così a preparare le/i giovani che effettuano un apprendistato presso le banche ad affrontare una vita autonoma e pienamente responsabile in un mondo sempre più complesso.

Perfezionamento professionale

L’ASB raccomanda ai propri istituti membri di certificare il relativo personale attivo nella consulenza alla clientela nell’ambito del wealth management secondo lo standard «Certified Wealth Management Advisor CWMA» della Swiss Association for Quality (SAQ) in conformità alla norma internazionale ISO 17024. Grazie a una cooperazione con SAQ e Swiss Sustainable Finance (SSF), a partire dal 1° gennaio 2022 il tema della sostenibilità sarà radicato in misura ancora maggiore nel Body of Knowlegde (BoK) della certificazione SAQ per consulenti alla clientela in ambito bancario.

Interlocutori

August Benz
Responsabile Private Banking & Asset Management
+41 58 330 62 27
Hans-Ruedi Mosberger
Responsabile Asset Management & Sustainability
+41 58 330 62 61