Comunicato stampa
24.08.2022

Zero netto: la piazza finanziaria fa piena trasparenza sullo stato attuale delle misure di autoimpegno

La quota delle soluzioni di finanziamento, degli asset e dei premi assicurativi vincolati all’obiettivo dello zero netto è in aumento. 
  • La Svizzera si è prefissata l’obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra allo zero netto entro il 2050. Tutti i settori dell’economia sono chiamati ad apportare un efficace contributo a riguardo.
  • Con la pubblicazione di un nuovo studio, la piazza finanziaria fa per la prima volta piena trasparenza sullo stato dell’autoimpegno finalizzato al raggiungimento dello zero netto: attualmente il 62% della somma di bilancio dei membri dell’Associazione dei banchieri svizzeri (ASB) è vincolato agli obiettivi della Net-Zero Banking Alliance (NZBA). Allo stesso modo, il 62% dei patrimoni gestiti dai membri della Asset Management Association Switzerland (AMAS) è assoggettato all’iniziativa Net Zero Asset Managers (NZAM). E tra i membri dell’Associazione Svizzera d’Assicurazioni (ASA) il 48% del volume complessivo dei premi fa capo alla Net-Zero Insurance Alliance (NZIA).
  • La strada da percorrere prima di raggiungere l’obiettivo prefissato è ancora lunga, ma al contempo appare evidente che la quota delle soluzioni di finanziamento, degli asset e dei premi assicurativi vincolati all’obiettivo dello zero netto è in costante aumento.

Le alleanze per lo zero netto costituiscono un importante strumento per il raggiungimento degli obiettivi climatici fissati nell’Accordo di Parigi

Analogamente a molti Paesi, anche la Svizzera persegue l’obiettivo stabilito dall’Accordo di Parigi di contenere il riscaldamento globale a 1,5 °C entro il 2050. Tutti i rami dell’economia sono pertanto chiamati a ridurre le emissioni di gas serra al livello dello zero netto mediante opportuni sforzi e iniziative settoriali. Sebbene le emissioni dirette di gas serra da parte del settore finanziario siano di per sé esigue, gli istituti svolgono un ruolo di primo piano nel finanziamento della transizione climatica del sistema economico.

Nel settore finanziario, la Glasgow Financial Alliance for Net Zero (GFANZ) rappresenta un importante punto di riferimento, in quanto raccoglie varie alleanze per lo zero netto sotto un denominatore comune e le coordina in un’ottica di raggiungimento degli obiettivi dell’Accordo di Parigi. Queste alleanze per lo zero netto si sono affermate come un importante strumento nelle mani del settore finanziario per contribuire concretamente al conseguimento degli obiettivi climatici globali. Con l’adesione a una di queste alleanze, gli istituti finanziari si impegnano a definire obiettivi (intermedi) concreti per il raggiungimento della neutralità climatica e a definire un piano per il raggiungimento degli stessi. Nel novero delle misure individuate rientra anche un reporting annuale sui progressi compiuti.

Nella loro veste di associazioni di categoria di riferimento sulla piazza finanziaria svizzera, Asset Management Association Switzerland (AMAS), Associazione svizzera dei banchieri (ASB), Associazione Svizzera d’Assicurazione (ASA) e Swiss Sustainable Finance (SSF) sostengono con forza l’obiettivo dello zero netto. AMAS, ASB e ASA aderiscono inoltre come supporter alle alleanze zero netto della GFANZ per esse rilevanti (status di supporter) e tutte le associazioni sostengono attivamente i propri membri lungo il percorso verso lo zero netto.

Trasparenza per la prima volta sullo stato dell’autoimpegno

Su incarico delle quattro associazioni e in collaborazione con le stesse, PwC Svizzera ha analizzato per la prima volta lo stato attuale delle misure di autoimpegno. La piazza finanziaria elvetica crea così un quadro di piena trasparenza nei seguenti ambiti:

  • Asset management: il 62% dei patrimoni gestiti (Assets under Management) dei membri AMAS (asset manager, banche, assicurazioni) è vincolato all’iniziativa Net Zero Asset Managers (NZAM). I patrimoni amministrati da banche e asset manager sono cioè orientati in tale misura all’obiettivo dello zero netto.
  • Attività di finanziamento: complessivamente, il 62% della somma di bilancio aggregata dei membri ASB è vincolato ai criteri della Net-Zero Banking Alliance (NZBA). Ciò significa che per oltre il 60% delle soluzioni di finanziamento offerte, quali crediti e ipoteche, gli istituti membri si sono impegnati al rispetto di obiettivi e programmi finalizzati al raggiungimento dell’obiettivo dello zero netto.
  • Assicurazioni: all’interno della platea dei membri ASA, il 44% degli investimenti è conforme alle disposizioni della Net-Zero Asset Owner Alliance (NZAOA) e il 48% del volume complessivo dei premi rispetta i parametri della Net-Zero Insurance Alliance (NZIA).
 Alleanze Net Zero rilevanti all’interno della GFANZSvizzera - Quota di membri con impegni GFANZLivello globale - Quota del rispettivo settore con impegni GFANZKPI impiegati
Associazione svizzera dei banchieri (ASB)Net-Zero Banking Alliance (NZBA)62%38%Somma di bilancio
Asset Management Association Switzerland (AMAS)Iniziativa Net Zero Asset Managers (NZAM)62% 155% 2Patrimoni gestiti
Associazione Svizzera d’Assicurazioni (ASA)

Net-Zero Asset Owner Alliance (NZAOA)

Net-Zero Insurance Alliance (NZIA)

44%

48% 4

-  3

11%

Investimenti propri

Premi lordi

1,2  Le percentuali del 62% / 55% non corrispondono sempre al 100% degli AuM dei gestori patrimoniali impegnati (per ulteriori dettagli, si veda il capitolo «Net Zero engagement for the Swiss AM industry» dello studio)
3  Dati non disponibili sul sito web NZAOA
4  Membri ASA e altri assicuratori

La piazza finanziaria svizzera è ben posizionata nel raffronto internazionale – ma la strada da percorrere è ancora lunga

Dall’analisi emerge che, nel raffronto internazionale, la piazza finanziaria svizzera è già ben posizionata lungo il percorso verso il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Al contempo, appare evidente che la strada da percorrere è ancora lunga. Tutti i settori economici sono quindi chiamati ad apportare il loro contributo al processo di decarbonizzazione. La piazza finanziaria può continuare a sostenere efficacemente questa transizione mediante opportune soluzioni di finanziamento, di gestione patrimoniale e assicurative. Anche il presente studio deve essere considerato come punto di partenza per un percorso a raggio molto più ampio. Per quanto la quota di soluzioni di finanziamento, asset e premi assicurativi vincolati all’obiettivo dello zero netto abbia fatto registrare una crescita negli ultimi mesi, il conseguimento di ulteriori progressi in chiave futura è altrettanto importante. E anche in avvenire i risultati raggiunti dovranno essere sempre comunicati con la massima trasparenza. 

Studio disponibile per il download

Lo studio è disponibile qui per il download.

Finanza sostenibile

Contatto media

Monika Dunant
Responsabile Public & Media Relations
+41 58 330 63 95
Deborah Jungo-Schwalm
Senior Communications Manager
+41 58 330 62 73
Robert Reinecke
Communications Manager / Portavoce dei media
+41 58 330 62 76